Tassa aerotaxi e aerei privati

3 luglio 2012 13:470 commenti

Con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate sono state fornite le istruzioni per il pagamento della nuova imposta sui voli che effettuano servizio di aerotaxi e sugli aerei privati. Per quanto riguarda il servizio di aerotaxi, l’imposta deve essere versata dal cliente al soggetto che effettua il servizio. L’importo, per ciascun passeggero e per ciascuna tratta percorsa, è di 100 euro per distanze non superiori ai 1.500 chilometri e di 200 euro per tragitti più lunghi. Successivamente, il vettore dovrà versare l’imposta entro la fine del mese successivo a quello dell’effettuazione del trasporto, se l’aeromobile è immatricolato presso l’Enac o nei registri dei Paesi Ue o appartenenti allo spazio economico europeo, oppure in caso contrario prima della partenza o entro il giorno successivo all’arrivo nel territorio dello Stato.

NOVITÀ E CHIARIMENTI DECRETO ATTUATIVO MINI-PATRIMONIALE

Per quanto riguarda invece l’imposta sugli aerei privati, essa è dovuta dai proprietari, dagli usufruttuari, dagli acquirenti o dagli utilizzatori in leasing dei velivoli e deve essere corrisposta al momento della richiesta di rilascio o di rinnovo del certificato di revisione della aeronavigabilità e per tutto il periodo di validità del certificato stesso.

MODELLO RICHIESTA RIMBORSO IVA TASSA SUI RIFIUTI

Per quanto riguarda le quote da versare, occorre distinguere a seconda del velivolo. Per quanto riguarda gli aeroplani, in particolare, la cifra da versare per ciascun chilogrammo di peso è di: 0,75 euro fino a 1.000 chilogrammi, 1,25 euro fino a 2.000 chilogrammi, 4 euro fino a 4.000 chilogrammi, 5 euro fino a 6.000 chilogrammi, 6,65 euro fino a 8.000 chilogrammi, 7,10 euro fino a 10.000 chilogrammi e 7,55 euro oltre 10.000 chilogrammi. Per gli elicotteri, invece, gli importi previsti per gli aeroplani dovranno essere maggiorati del 50%, mentre per alianti, motoalianti e aerostati il tributo da versare è di 450 euro.

Il versamento deve essere effettuato tramite modello F24, tuttavia nel caso in cui non fosse possibile avvalersi di tale canale potrà essere effettuato un semplice bonifico in euro in favore del Bilancio dello Stato al Capo 8- del Capitolo 1223, utilizzando le informazioni indicate sul sito www.rgs.mef.gov.it .

Tags:

Lascia una risposta