Immobile in comodato gratuito – Cos’è e cosa prevede il contratto

27 luglio 2014 11:050 commentiDi:

economia casa

Su questo blog ci è capitato molte volte di parlare dell’affitto e delle diverse soluzioni e tipologie che fanno capo alla possibilità di locazione di un immobile. Ma gli appartamenti possono essere anche concessi a parenti e amici in comodato gratuito, ovvero senza richiedere il pagamento di alcun canone. Il comodato gratuito, infatti, come suggerisce il nome stesso, è un tipo di accordo tra privati in cui il godimento di un bene – nel caso specifico un immobile – viene concesso gratuitamente ad una seconda persona. 

Affitto – Come compilare online il modello RLI per la registrazione del contratto

Per questa messa a disposizione non viene richiesto il pagamento di una somma di denaro, ma il comodatario viene in genere invitato a pagare le spese relative. Vediamo quindi come funziona il contratto di comodato d’uso nei confronti degli immobili.

Affitto – Come registrare i contratti online

Anche per il comodato d’uso, infatti, tra due persone amiche o conoscenti, può essere stipulato un contratto scritto che regola e definisce i termini del rapporto. Tale contratto, per una maggiore tutela di entrambe le parti, può essere registrato come si fa di norma anche con i contratti di affitto. La registrazione di un contratto di comodato d’uso richiede il pagamento al momento di 67 euro una tantum.

Sul contratto di comodato d’uso è conveniente inserire la data di inizio del rapporto, per una maggiore tutela del proprietario, il quale dovrà procedere alla sua registrazione. Anche in un rapporto di comodato d’uso possono infatti verificarsi inadempienze, e nel caso specifico potrebbero essere costituite dal mancato rilascio dell’immobile. In quel caso la presenza di un contratto scritto e registrato in maniera regolare, renderà l’eventuale contenzioso molto più semplice da risolvere.

Tags:

Lascia una risposta