Modello 730 precompilato – Niente più controlli sui contribuenti dal 2015

30 luglio 2014 11:040 commentiDi:

730

A partire dal prossimo anno, come annunciato nei mesi scorsi, verranno a cambiare le modalità con cui l’Agenzia delle Entrate richiederà la dichiarazione dei redditi ai cittadini, o  almeno ad una buona parte di questi, cioè coloro che sono soggetti alla presentazione del modello 730. Il Modello 730, infatti, verrà inviato a partire dal 2015 già precompilato ai diretti interessati, per lo più lavoratori dipendenti e pensionati soggetti a redditi fissi, i quali non dovranno far altro che confermare i dati in esso riportati. 

> Modello 730 precompilato  – Ecco le semplificazioni

Le nuove modalità di gestione delle dichiarazioni dei redditi a partire dal 2015 sono state sottolineate anche dal direttore del’Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi nel corso di una audizione in Senato. A partire dal prossimo anno il Fisco italiano subirà una vera rivoluzione che porterà oltre 20 milioni di cittadini a provare in via del tutto sperimentale la nuova realtà del 730 precompilato.


La nuova dichiarazione dei redditi con il 730 precompilato

Ma la vera novità di questa nuova procedura sarà anche il fatto che i contribuenti che riceveranno il modello 730 precompilato non saranno soggetti a controlli, diversamente del passato, perché sarà già l’amministrazione fiscale ad essere in possesso di tutti i dati necessari alla compilazione della dichiarazione e i cittadini non dovranno fare altro che accettare quanto riportato al suo interno oppure chiedere la correzione di alcuni dati.

Saranno invece i CAF, i centri di assistenza fiscale, a dover conservare la documentazione relativa dichiarazione dei redditi per l’effettuazione di eventuali controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Per avviare il processo della precompilazione delle dichiarazioni dei redditi, tuttavia, sarà necessario affidarsi a date di presentazione stabilite in origine e non cambiate in corso d’opera, attraverso la pubblicazione di un rigido calendario fiscale. 






Tags:

Lascia una risposta