Contratti a tempo determinato – La Riforma del lavoro elimina la causalità

6 agosto 2014 09:060 commentiDi:

Business  e lavoro - 01

Solo qualche mese fa è stata varata in Italia la nuova Riforma del Lavoro, il cui testo è stato licenziato dal Ministro del governo Renzi, Giuliano Poletti, la quale è andata a ritoccare alcuni aspetti relativi alla contrattualistica. Come tutti ricordano, infatti, una delle ultime e molto discusse Riforme del Lavoro era stata presentata dal Governo Monti e portava la firma dell’allora Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Elsa Fornero. 

Cosa prevedono i contratti di lavoro a termine voluti dal Jobs Act

La nuova riforma di Poletti è andata quindi a modificare alcuni aspetti normativi già previsti all’interno della Legge Fornero, in particolare andando ad aggiornare la disciplina relativa alla stipula dei contratti a tempo determinato che oggi sono la maggioranza in Italia. La Legge 78, infatti, ha eliminato per questa tipologia contrattuale l’obbligo da parte dei datori di lavoro di indicare una causa in merito all’impiego del lavoratore, clausola invece precedentemente inserita all’interno del testo di legge.


Le principali misure della Riforma del Lavoro del governo Renzi

Questo significa che i contratti a termine possono essere oggi utilizzati in alternativa a quelli a tempo indeterminato anche senza la presenza di una valida motivazione che li renda necessari. E proprio contro l’abolizione di tale vincolo e contro questo tipo di utilizzo dei contratti a termine si sono mossi i sindacati, in particolare la CGIL, la quale ha di recente presentato una denuncia alla Commissione Europea.

La mancanza di un vincolo di causalità nei contratti a termine, infatti, sarebbe in netto contrasto con quanto previsto dalla stessa Europa, la cui disciplina in fatto di occupazione prevede sempre l’indicazione di una motivazione. Sarà quindi la Corte di Giustizia Europea ad esprimersi su tale aspetto normativo, così come già accaduto in passato in altri paesi che avevano introdotto contratti di tale tipo.






Tags:

Lascia una risposta