Contribuenti interessati dai controlli sui rimborsi fiscali 2014

12 aprile 2014 17:240 commentiDi:

agenzia

A partire da quest’anno, sulla base delle ultime disposizioni emanate dalla Legge di Stabilità, l’Agenzia delle Entrate effettuerà controlli più scrupolosi sui contribuenti che richiedono i rimborsi fiscali attraverso la presentazione del 730. Ma i controlli non scatteranno su tutti i contribuenti in maniera indiscriminata. Interesseranno in particolare quelli i cui crediti avranno un importo superiore ai 4 mila euro. 

Le nuove regole dei rimborsi fiscali 2014

Ma nel corso del 2013 sono state ritoccate al rialzo le aliquote di alcune detrazioni abbastanza comuni di cui possono aver usufruito i contribuenti italiani e quindi la platea dei destinati ai controlli potrebbe essere piuttosto vasta. Vediamo quindi quali sono le persone che potrebbero essere soggette ad un controllo da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Modello fac simile per la richiesta dei rimborsi fiscali all’Agenzia delle Entrate – Persone fisiche

I contribuenti interessati dai controlli sui rimborsi fiscali 2014 potranno essere:

  • coloro che nel corso del 2013 hanno richiesto il bonus energia
  • coloro che nel corso del 2013 hanno richiesto il bonus ristrutturazioni o il bonus mobili
  • coloro che hanno richiesto detrazioni per le spese universitarie dei figli
  • coloro che hanno richiesto detrazioni per spese mediche
  • coloro che hanno richiesto detrazioni per i figli piccoli a carico.

le cui aliquote arrivano fino al 65 per cento e il cui tetto massimo era stato posto a 10 mila euro.

Non saranno invece al contrario soggetti a controllo coloro che non hanno figli a carico, quindi i single e i coniugi senza figli a carico, anche se i loro crediti sono superiori a 4 mila euro. Saranno tranquilli anche coloro che hanno utilizzato il modello F24 per la compensazione debiti – crediti e come i precedenti riceveranno i rimborsi subito – e non a fine anno e nella modalità a cui erano abituati anche in precedenza – cioè attraverso il sostituto d’imposta o l’INPS.

Tags:

Lascia una risposta