Cosa prevede la legge sul salario minimo in Germania

2 aprile 2014 15:480 commentiDi:

soldi

Passa in Germania la legge sul salario minimo, o meglio il disegno di legge da cui verrà scritta entro l’estate la legge vera e propria, la quale entrerà poi finalmente in vigore dal prossimo 1 gennaio 2015. Secondo la nuova tariffa oraria, in Germania un’ora di lavoro retribuita secondo il salario minimo sarà pagata 8,5 euro. 

La legge tedesca, piuttosto nuova rispetto alle tradizionali consuetudini nazionali, che avevano sempre preferito lasciare spazio ai dettami del libero mercato, nasce da un accordo tra il partito conservatore guidato da Angela Merkel e quello socialdemocratico guidato da Sigmar Gabriel.


A partire dal prossimo gennaio, quindi, il salario minimo sarà applicato a diverse categorie di lavoratori, compresi i diciottenni e i praticanti che svolgono la loro attività all’interno di un periodo di formazione. Saranno invece esclusi da questo provvedimento i disoccupati di lungo corso, ovvero coloro che non sono impiegati in una attività lavorativa da più di un anno. Da come si presenta, quindi, la legge sembra sicuramente migliorare le condizioni lavorative di alcuni lavoratori, ma di lasciare anche alcuni di loro fuori dai benefici.

Secondo le stime del governo al salario minimo accederanno 3,7 milioni di lavoratori tedeschi, molti dei quali residenti nella parte orientale della Germania, dove, per traversie storiche i salari sono rimasti leggermente più bassi della media nazionale. Questa proposta di legge ha tuttavia incontrato le critiche della Confindustria tedesca, che teme la perdita di diversi posti di lavoro.

Il salario minimo, tuttavia, è una norma che viene applicata in 21 dei 28 stati che oggi costituiscono l’Unione Europea, anche se in ogni paese gli importi delle retribuzioni orarie sono diverse. Il paese europeo con il più basso salario minimo è la Bulgaria, dove si supera di poco l’euro, mentre quello più alto viene erogato in Lussemburgo, dove si raggiungono e si superano gli 11 euro l’ora.






Tags:

Lascia una risposta