Cresce l’evasione dei contributi lavorativi

24 agosto 2013 09:250 commentiDi:

finanza

I primi sei mesi del 2013 sono stati dei mesi decisamente impegnati per gli uomini della Guardia di Finanza italiana, che, tra le altre attività di controllo, hanno effettuato una serie di ispezioni presso le aziende italiane, al fine di rilevare il livello di rispetto delle norme fiscali.

Chi rischia i controlli con il Redditometro

Ma la situazione che si è presentata agli uomini della Fiamme Gialle è stata decisamente critica: il 62% delle imprese italiane sottoposte a controllo, infatti, è risultata non essere in regola con i versamenti fiscali e gli altri adempimenti richiesti. In particolare il Ministero del Lavoro ha fatto sapere che nei primi sei mesi dell’ anno è più che raddoppiato il fenomeno dell’ evasione dei contributi lavorativi.


> Perché la lotta all’ evasione fiscale in Italia non funziona

Quest’ ultimo ha infatti subito un incremento del 117% rispetto all’ anno precedente, ma in generale le violazioni fiscali riscontrate sono risultate in crescita del 22%. I controlli effettuati dalla Guradia di Finanza hanno dunque portato alla luce una perdita per il Fisco che è risulta pari a oltre 260 milioni di euro.

Due fenomeni in crescita nel mondo delle aziende italiane sono stati inoltre le violazioni in materia di orario di lavoro e gli abusi relativi all’uso di tipologie di lavoro flessibili.






Tags:

Lascia una risposta