Crollo del mercato immobiliare

28 gennaio 2013 12:340 commenti

Comprare casa? Un sogno che per molti, soprattutto i questo periodo così difficile, è stato messo in un cassetto in attesa di tempi migliori.

Secondo i dati di Confedilizia il mercato dell’immobile ha subito, in questi ultimi due anni, la peggiore flessione dell’inizio della crisi economica del 2007, con transazioni che si sono dimezzate in questi cinque anni, ma è stato il 2012 l’anno peggiore.

Bersani rifiuta patrimoniale

Il 2012 ha visto una riduzione di transazioni immobiliari del 30,6% rispetto al 2011, con una perdita per il settore che è stata stimata tra gli 8 e i 10 miliardi di euro. Una vera e propria emorragia, con un volume di vendite pari a mezzo milione, con una riduzione di 250.000 unità rispetto al 2011.


la causa principale di questa contrazione, secondo Confedilizia, è non tanto la mancanza di credito per le famiglie, ma il continuo aumento delle tasse sulla casa che rende, paradossalmente, l’affitto meno oneroso dell’acquisto.

Entrate Imu sopra le aspettative

I dati diffusi dall’Istat sono concordi con quanto detto: dal 2007 al 2011 il numero medio annuo di compravendite immobiliari è stato di 885.333. Nel 2007 gli immobili scambiati sono stati 1.055.585, arrivati a 816.758 del 2011. Con l’ulteriore riduzione di 250.000 unità prevista nel 2012, in cinque anni la riduzione delle compravendite è stata del 46,3%.






Tags:

Lascia una risposta