I Dati dell’Ocse su Pil in calo e consumi al minimo

27 novembre 2012 16:310 commentiDi:


Che serva una nuova manovra il prossimo anno per scongiurare un altro rischio per l’economia italiana? Sembrerebbe di si a guardare i dati sulla situazione attuale e le previsione per il futuro.
Per l’Ocse le previsioni sono negative, con la stima del rapporto tra deficit e Pil che è pari al 3% del Pil per il 2012 e del 2,9% per il 2013. Per raggiungere l’obiettivo della riduzione del debito al 119,9% del Pil nel 2015 è quindi probabile una nuova manovra economica.
I dati dell’Ocse sono negativi anche per quanto riguarda le previsioni del Pil. Nel 2013 ci dovrebbe essere una diminuzione dell1% che è superiore alla previsione precedente dello 0,4%.
Un problema dell’Italia è sicuramente la disoccupazione. Il tasso di disoccupazione è dato in aumento per i prossimi anni, dalla stima del 10,6% del 2012 a quella dell’11,4% del 2013 e dell’11,8% del 2014.
La situazione in Italia vede anche un particolare calo dei consumi, il più alto degli ultimi cinquanta anni. Le manovre del governo Monti hanno contribuito al calo dei consumi anche se hanno permesso all’Italia di sperare in un futuro migliore. Lo riconosce l’Ocse, che invita il prossimo governo a seguire la linee delle riforme del governo Monti per mantenere la fiducia dei mercati.






Tags:

Lascia una risposta