Declassamento rating Usa si teme una nuova crisi mondiale

6 agosto 2011 17:280 commenti

Ora si teme una nuova crisi mondiale dopo che, venerdì,  l’agenzia Standard and Poor’s ha declassato gli Stati Uniti, tagliando di un livello, ad AA+ il rating sul debito del governo americano.

Per l’agenzia le misure decise nei giorni scorsi a Washington sono “inferiori” a quanto necessario. Ma il ministero del Tesoro Usa contesta: “Errore da 2mila miliardi di dollari”.

L’agenzia Standard and Poor’s ha declassato la nota del debito degli Stati Uniti, un precedente storico che rischia di attizzare il fuoco in una crisi mondiale, in un contesto di panico borsistico dovuto ai timori di rallentamento globale ed alla situazione della zona euro.

S&P ha qualificato, a suo avviso, “insufficiente” il piano  di risanamento delle finanze pubbliche americane, votato questa settimana per rialzare il tetto del debito di oltre 14.500 miliardi di dollari. S&P ha avvertito, inoltre, che non esclude un nuovo declassamento nel futuro prossimo.

La Casa Bianca si è appellata all’unità dei partiti democratico e repubblicano, al fine di  ristabilire la situazione economica e di bilancio degli Stati Uniti.

“Dobbiamo fare di tutto per dimostrare la nostra volontà, la nostra capacità ed il nostro impegno a lavorare insieme per fare fronte alla sfida economica e di bilancio”, ha affermato il portavoce della Casa Bianca, Jay Carney, in un comunicato.

Ultimo aggiornamento 06 agosto 2011 ore 19,25

Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta