Delega fiscale – Ecco le semplificazioni per le persone fisiche

20 giugno 2014 15:570 commentiDi:

fisco-agevolazioni

Il governo ha da poco approvato i decreti attuativi che danno corso ai provvedimenti contenuti all’interno della delega fiscale, un insieme di norme che porteranno una serie di semplificazioni normative nel fisco italiano. Il più importante provvedimento di semplificazione riguarderà l’invio della dichiarazione dei redditi precompilata a milioni di italiani, ma sono state approvate anche misure semplificative per i contribuenti anche in altri ambiti. 

Le prime semplificazioni in arrivo con la delega fiscale 2014

Ci saranno novità, infatti, ad esempio, anche per le persone fisiche in generale e i professionisti. Ecco quali sono.

Le prime semplificazioni in arrivo con la delega fiscale 2014 – II

Una prima grande novità nelle modalità operative fiscali dei professionisti riguarderà le spese di vitto e alloggio, che non potranno più essere addebitate in fattura al committente in quanto non costituiscono compensi in natura. Il professionista, quindi, non dovrà più addebitare in fattura tali spese e non potrà chiedere la deduzione del relativo importo come accadeva in passato.

Per quanto riguarda invece le società tra professionisti, il nuovo regime fiscale prevede l’imposizione di un reddito proporzionale alla quota di partecipazione agli utili detenuta e potrà essere rivendicato anche a fini previdenziali. D’ora in avanti, inoltre, le stesse regole saranno applicate anche per il calcolo dell’Irap.

Nella delega fiscale il governo ha inoltre previsto la riduzione degli adempimenti necessari per richiedere la certificazione energetica degli edifici. Non servirò più la comunicazione all’Agenzia delle Entrate per i lavori di riqualificazione che si protraggono per più periodi di imposta, ma dovranno essere segnalati tutti i costi sostenuti nei periodi di imposta precedenti al fine di ottenere la detrazione. In caso di inosservanza non sarà più prevista la decadenza del beneficio ma una sanzione pecuniaria.

 

 

 

 

Tags:

Lascia una risposta