Dichiarazioni dei redditi 2013 – Le novità per il 730/2014

29 aprile 2014 15:470 commentiDi:

730

Con l’arrivo della primavera arrivano puntuali come ogni anno le attese scadenze della dichiarazione dei redditi 2013, che si effettuerà per molti contribuenti attraverso il nuovo modello del 730 – 2014. Ecco quindi quali saranno le date da rispettare quest’anno.

Per coloro che prevedono di consegnare il modello 730 – 2014 direttamente al sostituto di imposta – datore di lavoro o ente pensionistico – la scadenza è fissata per il 30 aprile 2014. In questo caso alla dichiarazione dovranno essere allegate solo le schede per la destinazione dell’8 per mille e del 5 per mille.

Arriva il nuovo modello 730 – 2014 – Ecco le novità sui rimborsi Irpef e sulle detrazioni

Per coloro che si rivolgono ad un CAF o ad un commercialista, invece, i tempi sono più lunghi perché la scadenza, che normalmente è fissata per la fine di maggio, quest’anno per effetti calendario e della festività del 2 giugno slitterà al 3 giugno 2014. In questo caso alla dichiarazione dei redditi dovranno essere allegati tutti i documenti che attestano sia le ritenute subite sia le detrazioni di cui si fa richiesta.

Come avvenuto anche in passato i contribuenti interessati potranno scaricare via internet il modello 730 – 2014 – anche da questo blog – e compilarlo direttamente dal proprio pc per poi stamparlo e consegnarlo al sostituto di imposta.

Nuovo Modello 730 – 2014 da scaricare con istruzioni per la compilazione

Una piccola novità introdotta quest’anno sarà la possibilità di destinare il 2 per mille al proprio partito attraverso la compilazione di una apposita scheda – anche questa scaricabile da questo blog – in cui saranno a disposizione 11 diverse sigle.

Come finanziare il proprio partito attraverso la dichiarazione dei redditi

La scheda in questione, per la destinazione del 2 per mille, potrà essere consegnata quindi a mano in formato cartaceo a datori di lavoro, CAF, poste e professionisti abilitati, o inviata direttamente online dal contribuente attraverso il sito dell’Agenzia delle Entrate.

Tags:

Lascia una risposta