Dove comprare le case più economiche in Italia nel 2014

28 giugno 2014 17:080 commentiDi:

economia casa

Comprare casa in Italia oggi, nel 2014, è sicuramente più conveniente rispetto a 10 anni fa. Lo afferma una recente ricerca compiuta da una primaria società di gestione immobiliare che ha analizzato l’andamento del mercato negli ultimi mesi ponendolo a confronto con quello del decennio precedente, prima dello scoppio della crisi economica – finanziaria. 

Dismissione del patrimonio immobiliare degli Enti Previdenziali

Da tale ricerca è risultato che oggi in Italia ad un lavoratore dipendente con un contratto di lavoro a tempo indeterminato che non abbia una posizione da dirigente sono necessarie sei annualità per l’acquisto di una casa di circa 65 metri quadri in una città italiana. Nella ricerca sono state infatti prese a campione le retribuzioni contrattuali annue dei lavoratori italiani attraverso i dati presenti nella banca dati dell’ISTAT.


Bolla immobiliare – In Cina torna lo spettro dei mutui subprime

Nelle diverse città italiane, però, la situazione non appare omogenea. In una città come Roma, infatti, occorrono ancora oggi 9,8 annualità per comprare un appartamento, a Milano ne occorrono 8,1 e in città come Firenze o Napoli ne occorrono 7,2.

Ci poi città che si attengono maggiormente alla media nazionale e hanno dei prezzi delle case nettamente inferiori. In una città come Bologna, ad esempio, per comprare una casa di 65 metri quadrati sono necessarie 5,7 annualità, a Genova e a Bari 4,5 annualità e a Verona 4,1 annualità. Ma la città meno cara in assoluto in Italia è al momento la città di Palermo in cui sono sufficienti 3,7 annualità per comprare una casa.

Nel 2003, invece, circa 10 anni fa, erano necessarie per lo stesso acquisto 7,2 annualità. Nel 2012, invece, la media italiana era pari a 6,4 annualità, quindi, ancora oggi la tendenza si mostra in calo.






Tags:

Lascia una risposta