Draghi su ripresa economica

7 febbraio 2013 17:220 commenti

Il 2013 è iniziato con aspettative altalenanti dal punto di vista economico. La prima parte dell’anno dovrebbe confermare la debolezza dell’Eurozona.

Nella seconda parte, invece, dovremmo assistere ad una ripresa lenta ma consistente.

A confermare questo trend è Mario Draghi, presidente della Banca Centrale Europea.

Le sue parole arrivano durante una conferenza stampa a Francoforte, a seguito della decisione della Banca centrale di mantenere invariati i tassi d’interesse allo 0,75%.

L’economia ha confermato la sua sostanziale debolezza durante il quarto trimestre del 2012 e nella prima parte del 2013. Per queste ragioni, Draghi auspica una lenta ripresa soltanto a partire dalla seconda parte dell’anno in corso.

Draghi si è poi soffermato sulle prospettive di crescita, affermando che “continuano a prevalere i rischi”.

Il Governatore ha poi aggiunto che l’inflazione ha continuato a scendere ed “è prevista in calo sotto il 2% nei prossimi mesi con rischi equilibrati. La politica monetaria della Bce resta accomodante e di sostegno alla crescita”.

Euro

Le buone notizie, ad oggi, comunque non mancano. In primo luogo Draghi vuole infatti concentrarsi sui segnali positivi provenienti dalla moneta unica: “L’Euro forte è un segnale di fiducia nell’Europa dove si riducono le spinte alla frammentazione della moneta unica”.

Tags:

Lascia una risposta