Home / economia / Eurispes Italia chiaroscuro: spese mediche problema per uno su tre

Eurispes Italia chiaroscuro: spese mediche problema per uno su tre

La fotografia che l’Eurispes ha fatto della situazione economica dell’Italia nel suo consueto rapporto di inizio anno è decisamente in chiaroscuro perchè se è vero che la crisi economica continua a mordere in modo incisivo, andando ad erodere i bilanci delle famiglie, è altrettanto vero che esistono delle timide luci che permetto di guardare con meno pessimismo al futuro. Tutto questo, poi, in un contesto in cui l’evasione fiscale, dalla piccola alla grande, viene ad essere considerata quasi come una caratteristica insita nel dna dell’economia italiana.

Secondo il rapporto Eurispes, il numero degli italiani che non riesce a coprire con il suo stipendio tutto il mese si è ridotto passando al 27,3%, -19,9% rispetto all’anno precedente. Questa contrazione dimostra che qualche spiraglio di uscita della crisi comunque esiste ma viene purtroppo bilanciata dal sempre alto numero di italiani che non riescono ad affrontare le spese mediche. La ricerca Eurispes, infatti, afferma che un italiano su tre ha crescenti difficoltà a coprire le spese per salute ed allora scattano anche prestiti finalizzati a questo genere di necessità.

In questo contesto l‘evasione diventa quasi necessaria per sopravvivere secondo molti italiani. La portata dei redditi che non sfuggano all’erario è infatti molto alta ed arriverebbe a 540 miliardi di euro. Quindi accanto ad una economia reale ve ne è un’altra parallela che vale un terzo. Una sorta di stato nello stato quindi.

Accanto ad elementi più critici, la ricerca dell’Eurispes ha messo a fuoco anche quelle che sono le abitudini più personali degli italiani. Il ritratto che emerge è quello di un italiano medio che è sempre più interessato a quelli che sono i problemi degli animali e che vorrebbe andare ovunque con i propri amici a 4 zampe. Secondo il rapporto dell’Eurispes, infatti, il 68% degli intervistati vorrebbe che gli animali domestici potessero entrare in alberghi e altre strutture recettive.

Loading...