Eurogruppo, slitta la decisione sugli aiuti alla Grecia

15 febbraio 2012 07:260 commenti

Ci sarà soltanto una teleconferenza in serata per i ministri finanziari della zona euro. A Bruxelles l’Eurogruppo si riunirà lunedì 20 febbraio, in quanto i policy maker continentali iniziano a dubitare sulle reali possibilità di Atene di mantenere le promesse fatte tempo fa alla troika (UE-Bce-Fmi) per ridurre il peso del debito e del deficit di bilancio. A disorientare ulteriormente i leader europei è stato il dato comunicato ieri dall’Ufficio di Statistica del paese ellenico sul pil preliminare del quarto trimestre del 2011. Il risultato è davvero allarmante, visto che c’è stata una contrazione del 7% rispetto ad un anno prima dopo la flessione dl 5% nei tre mesi precedenti.

Il 2011 dovrebbe chiudersi per la Grecia con un calo del pil nell’ordine del 5,5% e anche l’anno in corso dovrebbe alla fine evidenziare una contrazione (sarebbe il quinto anno consecutivo di recessione). Ieri, nonostante in serata il Consiglio dei ministri in Grecia abbia trovato un’intesa per risparmiare ulteriori 325 milioni di euro come chiesto dalla troika (attraverso dolorosi tagli alle pensioni), il presidente dell’Eurogruppo, il lussemburghese Jean-Claude Juncker, ha diffuso una nota nella quale esprimeva più di una perplessità sul rilascio della seconda tranche di aiuti finanziari da 130 miliardi di euro da destinare al paese ellenico.

Juncker, non avendo avute le necessarie rassicurazioni dai leader politici greci sull’attuazione del piano di austerità, ha dichiarato che “la fase preparatoria dell’Eurogruppo ha evidenziato la necessità di ulteriori lavori a livello tecnico tra la Grecia e la troika”. Sul fronte valutario, l’euro continua a mostrare un andamento altalenante contro le principali valute mondiali. Il tasso di cambio euro/dollaro è sceso ieri fin sotto 1.31, ma stamattina ha recuperato gran parte delle perdite avvicinandosi nuovamente a quota 1.32.

Tags:

Lascia una risposta