Evasione fiscale, sequestro per il gruppo Marzotto

5 novembre 2012 17:400 commentiDi:

Omessa presentazione della dichiarazione dei redditi, degli immobili e delle partecipazioni societarie riconducibili in parte alle famiglie Marzotto e Donà dalle Rose, operanti nel campo della moda. Sono queste le accuse della Guardia di Finanza di Milano che sta predisponendo il sequestro preventivo di beni immobili e partecipazioni societarie per un valore di 65 milioni di euro. I fondi sono riconducibili a 13 persone, alcuni legati alle famiglie sopra descritte.


La Guardia di Finanza di Milano ha sequestrato diversi immobili tra i quali appartamenti a Roma e a Milano, una villa a Cortina d’Ampezzo, un castello e vari terreni nella zona di Vicenza. Negli immobili non sono stati apposti i sigilli, in quanto l’obiettivo della Guardia di Finanza di Milano è quella di impedire atti di compravendita.

L’indagine è portata avanti dai pm Laura Pedio e Gaetano Ruta e coordinata dal procuratore aggiunto Francesco Greco. Fondamentale la collaborazione con l’Agenzia delle Entrate. Si è scoperto come tutti i beni facciano capo alla Icg, una società finanziaria costituita a Lussemburgo ma che avrebbe la sua reale sede in Italia. I soci sono infatti quasi tutti residenti in Italia. La società lussemburghese è quindi considerata come fiscalmente residente in Italia e quindi passibile dell’accusa di mancata dichiarazione dei redditi.






Tags:

Lascia una risposta