Ferrari – Montezemolo lascerà la presidenza a Sergio Marchionne

10 settembre 2014 10:480 commentiDi:

fiat

E’ arrivata la conferma ufficiale. Dopo le incomprensioni e le divergenze di cui si vociferava da una settimana, due note della Ferrari hanno confermato il cambio epocale ai vertici di una delle più famose e prestigiose aziende italiane. Luca Cordero di Montezemolo, presidente della Ferrari sin dal lontano 1991, ha infatti ufficializzato la sua richiesta di dimissioni dal ruolo di presidente della società. 

Il nuovo piano industriale di Fiat – Chrysler per il 2014 – 2018

Il nuovo presidente dello storico marchio dal cavallino rampante sarà quindi Sergio Marchionne, già amministratore delegato di tutto il gruppo multinazionale FCA, ex Fiat. Il passaggio di consegne, secondo le comunicazioni ufficiali dell’ufficio stampa, avverrà comunque a partire dal prossimo 13 ottobre 2014.

Perché la Fiat ha deciso di trasferirsi all’estero

Alcuni sin dalla scorsa settimana avevano anticipato tali sconvolgimenti nel reparto dirigenza del gruppo Fiat. In occasione del Forum Ambrosetti, che si è tenuto pochi giorni fa a Cernobbio sul lago Maggiore, infatti, il manager FCA si era espresso dicendo che nessuno è indispensabile, lamentando la lunga mancanza di vittorie presso la scuderia di Maranello, la quale non ha più riportato successi dal 2008.

Sono tuttavia 23 anni che Luca Cordero di Montezemolo segue e fa parte del gruppo Ferrari sotto diversi ruoli, un lungo passato che viene ricordato con parole molto sentite nel suo messaggio conclusivo di ringraziamento e di addio. La sua scelta di lasciare la presidenza sembra sia stata determinata anche dal nuovo ruolo a cui sarà destinata la società all’interno del gruppo FCA, prossimamente quotato a Wall Street.

Parole di ringraziamento per Montezemolo sono venute però anche dal presidente FCA John Elkann e dall’AD Sergio Marchionne, che ha ricordato i primi anni di lavoro insieme. Secondo alcune fonti per Montezemolo si potrebbe forse aprire un futuro alla presidenza di Alitalia.

Tags:

Lascia una risposta