I giovani italiani vogliono fare gli spazzini

25 maggio 2013 13:570 commentiDi:

disoccupazione-giovaniDal 2007 ad oggi la crisi economica ha profondamente segnato il tessuto sociale italiano. Ma quel che è peggio è che non l’ ha fatto solamente nella sua sfera materiale, ma ha cominciato ad intaccare anche quella ideologico – professionale. Nel giro di pochi anni di recessione, infatti, l’ approccio dei giovani italiani con il mondo professionale del lavoro è totalmente cambiato.

La disoccupazione aumenterà nel 2013 e nel 2014

Dal momento, infatti, che la disoccupazione giovanile oggi si attesta circa al 38%, il quadro delle aspirazioni dei giovani disoccupati si è fatto sempre meno esigente. Il 50% di questi ultimi, dunque, si adatterebbe di buon grado a fare lo spazzino o il pony express pur di avere un lavoro, mentre il 39% andrebbe volentieri a lavorare in un call center – di cui tutti conoscono le minime condizioni.


> Giovani laureati disoccupati si accontentano di qualsiasi lavoro

A rilevare questi dati è una ricerca condotta dalla Coldiretti in collaborazione con Swg, un’ azienda che si occupa di ricerche di mercato, che è stata presentata alcuni giorni fa all’ Assemblea di Giovani Impresa Coldiretti.

Ma i dati sconfortanti non finiscono qui. Anche dal punto di vista della retribuzione negli ultimi anni le aspirazioni dei giovani si sono notevolmente ridimensionate. I 43% dei disoccupati accetterebbe un lavoro full time retribuito 500 euro, mentre il 39% un prolungamento dell’ orario di lavoro a parità di salario.






Tags:

Lascia una risposta