Home / economia / Imu terreni agricoli montani: scadenza in pieno caos

Imu terreni agricoli montani: scadenza in pieno caos

La Camera di Consiglio del Tar del Lazio respinge la sospensiva presentata dai Comuni di quattro Regioni (Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto) e conferma quindi presumibilmente la scadenza dell’Imu sui terreni agricoli montani lunedì prossimo, 26 gennaio 2015. Due soli giorni di tempo quindi per i diretti interessanti e per i professionisti chiamati al calcolo per provvedere al saldo. Tra dubbi e polemiche è pieno caos anche e soprattutto in quello zone a forte frazionamento (in poche parole si va a pagare più il commercialista che l’IMU sui terreni agricoli vera e propria).

Ma l’ipotesi di proroga o di riformulazione della tassa non sono state accantonate. Ad aumentare la confusione il fatto che il prossimo Consiglio dei ministri è in calendario per il 28 gennaio, quindi due giorni dopo la presunta scadenza. Come muoversi allora? Visto che prima di lunedì non arriverà nessun provvedimento in materia, in teoria si deve pagare. Questo lo scenario più verosimile almeno al momento. Il problema però è anche quanto pagare: sulla classificazione dei terreni agricoli montani infatti il decreto interministeriale dello scorso 28 novembre lascia dei dubbi aperti. A ben vedere, norma che lascia scontenti un po’ tutti, l’esenzione è stata confermata soltanto per i terreni che si trovano nei Comuni sopra i 600 metri (o anche sopra i 281 metri ma solo se di proprietà di agricoltori diretti o imprenditori agricoli professionali). Il criterio prende in considerazione l’altitudine  del Comune di appartenenza (che generalmente viene misurata in base a dove si trova il municipio) e non quella specifica del terreno. Pare però che non siano al momento previste sanzioni per chi pagherà in ritardo l’imposta. E’ verosimile ipotizzare che alcuni proprietari preferiranno nel dubbio sugli scenari futuri attendere il prossimo 4 febbraio per conoscere l’esito dell’udienza definitiva in merito alla sospensiva del TAR e sapere quindi se si deve pagare l’IMU agricola sui terreni montani oppure no. Il Governo saprà fornire chiarimenti in merito il prossimo 28 gennaio?