Ipotesi esenzione Imu prima casa se costata fino a 200.000 euro

25 maggio 2012 11:370 commenti

L’introduzione della nuova tassa sugli immobili, che al contrario dell’Ici viene applicata anche sull’abitazione principale, mal si sposa con l’attuale crisi del mercato immobiliare, caratterizzata da un numero sempre più basso di persone che sono delle condizioni di poter acquistare una casa, sia per via dell’elevato livello di precariato e disoccupazione sia perché le banche sono sempre più restie a concedere mutui e prestiti. Per tale motivo sta prendendo piede la possibilità di esentare dal pagamento dell’Imu le prime case acquistate ad un prezzo non superiore a 200.000 euro.

COME COMPILARE IL MODELLO F24 PER PAGARE L’IMU


La norma, contenuta nella bozza di decreto recante misure urgenti in materia di infrastrutture e trasporti, prevede che per poter ottenere tale esenzione il prezzo dell’immobile, oltre ad essere inferiore a 200.000 euro, deve essere indicato nell’atto di compravendita. Tale agevolazione spetta per un periodo di due anni che decorrono dal trasferimento della proprietà. Secondo una prima stima, se tale norma dovesse essere approvata beneficerebbero dell’esenzione circa 400.000 abitazioni.

EFFETTI DELL’IMU SUL MERCATO IMMOBILIARE

La bozza del decreto prevede inoltre altre agevolazioni sulla prima casa. Tra queste figura la totale detrazione dall’imposta lorda degli interessi passivi di mutui ipotecari, la la detrazione dell’Iva e la detrazione dell’imposta di registro.

Sono inoltre previste delle misure a favore delle imprese di costruzione, come l’esenzione dal pagamento dell’Imu per i fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita per un periodo non superiore a tre anni dall’ultimazione dei lavori.






Tags:

Lascia una risposta