Italia in fondo alla classifica dell’Economist

11 luglio 2012 14:300 commenti

Mentre Monti definisce quello intrapreso dall’Italia “un percorso di guerra durissimo” e promette che le misure del governo avranno effetti sia sulla crescita che sull’occupazione, l’Economist pubblica la sua consueta lista mensile, stilata sulla base delle previsioni di crescita delle principali economie mondiali sulla base delle previsioni di alcuni economisti, in cui l’Italia figura all’ultimo posto.

Nella maggior parte dei casi le opinioni degli economisti sono discordanti sia in merito all’andamento delle crescita (se aumenterà o diminuirà) sia riguardo alla velocità con cui questo accadrà,  per questo motivo le previsioni sono espresse in range formulati sulla base di tutte le stime fornite dagli esperti interpellati.


Nell’ultima classifica pubblicata dall’autorevole giornale economico, come anticipato, l’Italia occupa l’ultima posizione, addirittura sotto di un gradino rispetto alla Spagna. La previsioni vedono per il Bel Paese una prospettiva di crescita compresa tra 0 e -2,6%. Nell’articolo pubblicato a corredo della lista, si sottolinea inoltre che Italia e Spagna sono i due paesi le cui previsioni di crescita si sono deteriorate di più nel corso degli ultimi mesi.

Per contro, il primo posto è occupato dall’Australia, per la quale gli esperti prevedono una crescita compresa tra il 2,8% e il 3,7%. Seguono Giappone, Canada e Stati Uniti.






Tags:

Lascia una risposta