I lavoratori più ricercati in Italia nel 2014 secondo la Cgia

7 settembre 2014 11:290 commentiDi:

lavoratore

Nonostante l’alto numero di disoccupati presenti in Italia, sia tra i giovani che tra i cittadini più avanti con gli anni, nel nostro paese ci sono ancora lavoratori che le imprese faticano a trovare sul mercato. La disoccupazione in Italia ha raggiunto infatti il tasso del 12,9 per cento a livello nazionale, e tra i giovani ha superato la soglia del 40 per cento, ma i direttori del personale delle aziende italiane continuano ad avere difficoltà a rintracciare alcune specifiche professionalità. Trovare lavoro – Le lauree più richieste nel 2014

La lista dei lavoratori più ricercati in Italia nel 2014 è stata stilata dalla Cgia di Mestre, la Confederazione degli Artigiani, che in molti settori tasta il polso dell’economia italiana. L’ufficio studi della Cgia di Mestre ha infatti analizzato i dati emersi dalla tradizionale indagine effettuata da Unioncamere in collaborazione con il Ministero del Lavoro, sulla base delle ricerche sottomesse dai un campione di datori di lavoro.

Trovare lavoro – I diplomi più richiesti nel 2014

Le professioni che per il 2014 sono risultate praticamente introvabili nel nostro paese e per questo motivo più ricercate sono state:

  • gli analisti e i progettisti di software (per un 37,7 per cento)
  • i programmatori (per un 31,2 per cento)
  • gli ingegneri energetici e meccanici (per un 28,1 per cento)
  • i tecnici della sicurezza sul lavoro (per un 27,7 per cento)
  • i tecnici esperti in applicazioni informatiche (per un 27,4 per cento).

Come si può notare, si tratta per lo più di figure con una elevata specializzazione tecnica e competenza in un campo o settore ben determinato. Questo significa anche che nel corso degli ultimi anni il mercato del lavoro italiano è profondamente cambiato in Italia e si è trasformato anche a causa della crisi. I profili più ricercati sono diventati estremamente tecnici, a cui si aggiungono i più classici profili di infermieri ed ostetriche, acconciatori e attrezzisti di macchine utensili.

Tags:

Lascia una risposta