Le conseguenze del nuovo taglio dei tassi BCE ai minimi storici

6 settembre 2014 11:130 commentiDi:

-bce

Contrariamente a quanto previsto da molti analisti e esperti del mondo della finanza, la Banca Centrale Europea ha deciso di tagliare nuovamente il costo del denaro dopo gli interventi operati nel mese di giugno 2014, alla luce della difficile situazione che si va prospettando per l’Europa intera. Il costo del denaro attraverso il tasso principale di rifinanziamento è stato infatti portato al nuovo minimo storico dello 0,05 per cento, in discesa di altri 10 punti dal precedente 0,15 per cento. 

La Banca Centrale Europea porta i tassi di interesse al nuovo minimo storico

Nello stesso momento l’Eurotower ha annunciato anche la discesa del tasso sui depositi, che è stato fissato al nuovo minimo storico dello 0,2 per cento. Anche il tasso di rifinanziamento marginale è passo da uno 0,40 per cento ad uno 0,30 per cento. In seguito a questi ultimi interventi di politica monetaria si prospettano quindi una serie di conseguenze e di effetti per l’economia del Vecchio continente. 


Perché le banche devono ricapitalizzarsi in vista degli stress test della BCE?

Il taglio dei tassi, nelle intenzioni della BCE, dovrebbe aiutare a far risalire i livelli dell’inflazione, che ora in Europa langue parimenti su un non salutare livello minimo, con il target del 2 per cento come obiettivo. I prezzi dovrebbero quindi tornare piano piano a salire e nel frattempo l’euro dovrebbe perdere potere nei confronti del dollaro. Questa mossa dovrebbe inoltre aiutare le banche a rifinanziarsi e le esportazioni a risalire.

L’aumento del costo dei depositi, invece, con i suoi tassi negativi, avrà lo scopo di rendere più costoso il parcheggio della liquidità alla banche, che troveranno più conveniente rifinanziare imprese e famiglie concedendo un maggior numero di mutui e prestiti. I tassi di mercato dei mutui potrebbero scendere ancora.

Infine anche gli stati sovrani troveranno vantaggio nel pagare meno interessi rispetto al passato.






Tags:

Lascia una risposta