Le detrazioni ammesse nella dichiarazione dei redditi 2014

19 maggio 2014 15:560 commentiDi:

730

Tempo di scadenze fiscali e di dichiarazioni dei redditi quello della tarda primavera, in cui tendono a lievitare anche i dubbi dei contribuenti che si trovano alle prese con calcoli e conteggi. E così l’Agenzia delle Entrate interviene in diversi modi per precisare quali saranno le detrazioni di cui si potrà godere nel 2014 e quali saranno le agevolazioni di cui si potrà beneficiare. Ecco quindi un utile riassunto per tutti coloro che si trovano in questi giorni a compilare il modello 730 . 

Come richiedere le detrazioni fiscali 2014 sugli interessi passivi del mutuo

Le detrazioni ammesse nella dichiarazione dei redditi 2014

All’interno della dichiarazione dei redditi 2014 i contribuenti italiani potranno detrarre le seguenti spese:


  • la visita medica per il rinnovo della patente
  • le spese per le sedute dallo psicologo e dallo psicoterapeuta
  • le spese per il fisioterapista
  • le spese relative ai farmaci acquistati, compresi quelli della medicina omeopatica
  • le spese per l’istruzione – come asili nido, test di accesso ai corsi di laurea a numero chiuso e master post universitari
  • le spese relative al veterinario per la cura dei propri animali
  • le spese del cosiddetto bonus mobili che vanno dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014, anche se pagate con carta di credito e bancomat.

Bonus ristrutturazioni e bonus mobili 2014 – Le novità sulle detrazioni Irpef per la casa

Le detrazioni non ammesse nella dichiarazione dei redditi 2014

All’interno della dichiarazione dei redditi 2014 non si potrà invece scaricare le seguenti spese:

  • le spese per i farmaci da banco anche se comprati con prescrizione medica
  • le spese per le attività fisiche o sportive come la palestra anche se prescritte dal medico
  • le spese per la scuola materna
  • le spese per l’osteopata, ovvero una figura professionale purtroppo non riconosciuta all’interno della lista compresa nel decreto ministeriale del Ministero della Salute del 2001.

 






Tags:

Lascia una risposta