Le detrazioni fiscali per l’affitto agli studenti fuori sede

17 giugno 2014 15:430 commentiDi:

economia casa

Numerose sono le città universitarie presenti in Italia, le quali accolgono ogni anno e per periodi di tempo abbastanza lunghi, che possono andare da 3 a 5 anni e anche oltre, migliaia di studenti fuori sede. In queste città una fonte di reddito per molti cittadini è rappresentata dal business delle locazioni, degli affitti destinati in modo particolare proprio agli studenti universitari. 

E’ possibile affittare casa ad una società?

Secondo quanto prevede il fisco italiano, inoltre, affittare un immobile ad uno studente fuori sede, è ancora più vantaggioso, perché sono previste una serie di agevolazioni fiscali per coloro che stipulano contratto con tali conduttori. La normativa tributaria prevede infatti che ai locatori che affittano a studenti universitari fuori sede siano applicate delle detrazioni.  Ecco quali sono.

Quali sono le diverse tipologie di contratto di affitto tra privati?

Come abbiamo diverse volte ricordato, la principale legge italiana che tratta di locazioni, punto di riferimento per tutto il settore normativo, è la legge 431 del 1998, la quale prevede che ai locatori che affittano un immobile a studenti universitari fuori sede, indipendentemente dalla loro nazionalità, quindi anche a studenti universitari extracomunitari, spetta una detrazione Irpef nella dichiarazione dei redditi.

Qualche anno più tardi, poi, la Legge comunitaria del 2010 ha esteso la possibilità di usufruire della detrazione Irpef al 19 per cento non solo a studenti universitari iscritti presso le università italiane, ma anche a studenti iscritti presso tutte le università dell’Unione Europea. 

Ricapitolando, quindi, possono godere di detrazioni sia i proprietari, sia gli studenti universitari fuori sede che figurano quali conduttori. Nel caso dei proprietari la detrazione è dovuta sia nel caso si scelga un contratto a canone concordato per studenti, sia nel caso si scelga un contratto a canone agevolato con formula 3 anni più 2.

 

 

 

Tags:

Lascia una risposta