Le novità sugli incentivi auto e moto 2014

1 maggio 2014 09:290 commentiDi:

auto-particolare 04

In Italia era da tempo che non si sentiva palare di eco incentivi per l’acquisto di auto e moto e il mercato dell’auto ha un po’ sofferto di questa mancanza nell’ultimo periodo. Ma il governo sembra ora deciso a concedere una nuova ondata di contributi ecologici per l’acquisto di auto e moto nel 2014.

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha infatti firmato un decreto in cui vengono stabilite le risorse – 63,4 milioni di euro – da destinare nel corso del 2014 all’erogazione di contributi per l’acquisto di veicoli a basse emissioni di CO2, con il quale vengono privilegiate tutte le auto ad alimentazione alternativa. Nello specifico, i veicoli che potranno usufruire dei contributi saranno:


  • veicoli elettrici
  • veicoli ibridi
  • veicoli a metano
  • veicoli a biometano
  • veicoli a GPL
  • veicoli a biocombustibili
  • veicoli ad idrogeno.

Non tutti i veicoli a basse emissioni in maniera indistinta potranno però essere oggetto del finanziamento, ma saranno ammessi al beneficio solo i veicoli equipaggiati come segue:

  • ciclomotori
  • motocicli a due o a tre ruote
  • quadricicli
  • automobili
  • veicoli commerciali leggeri.

In questo gruppo non sono incluse le biciclette a pedalata assistita, le cosiddette bici elettriche, perché la legge non le ritiene veicoli agevolabili.

A tutti i veicoli destinatari degli incentivi si chiede di avere comunque un livello di emissioni di anidride carbonica – CO2 – allo scarico non superiore a 120, 95 e 50 gr/km. Non potranno inoltre beneficiare degli sconti governativi le auto immatricolate in precedenza, di conseguenza le auto a Km 0 non potranno essere prese in considerazione.

Gli incentivi che verranno erogati saranno composti di due parti, una derivante dall’incentivo statale e una relativa allo sconto del venditore. I venditori interessati ad aderire all’iniziativa potranno registrarsi sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico per ricevere i finanziamenti che poi rigireranno ai clienti.






Tags:

Lascia una risposta