Le possibili conseguenze per i detentori dei tango bond

1 agosto 2014 11:440 commentiDi:

foto-grafico borsa 01

Sono circa 450 mila gli italiani che detengono bond argentini. Tra di essi vi sono sia coloro che negli anni passati, tra il 2005 e il 2010, hanno aderito al cosiddetto swap, cioè il cambio sul debito, sia coloro che si sono rifiutati di aderire a questa proposta. Così, ora, a poche ore dalla dichiarazione ufficiale di default tecnico da parte dell’Argentina, si procede alla conta dei danni, non solo per i creditori internazionali, ma anche per quelli italiani. 

L’Argentina precipita in un secondo default dopo quello del 2001

A conti fatti, infatti, i creditori italiani dello stato argentino che hanno aderito alla ristrutturazione del debito sono la maggioranza, cioè circa 400 mila, i quali hanno scelto di cambiare i bond del default con titoli che prevedevano un perdita del 70 per cento del loro valore  ma una scadenza più lunga. Coloro che invece non hanno aderito a nessuna proposta di cambio dell’investimento sono circa 50 mila in Italia. 


Braccio di ferro tra Argentina e Italia per il pagamento dei bond del default

Dalle prime analisi della situazione, però, sembra che il blocco del pagamento da parte della sentenza americana e il mancato trasferimento da parte dell’Argentina dei propri interessi sul debito, abbia colpito per primi i risparmiatori che hanno accettato lo swap, poiché la decisione del giudice Thomas Griesa ha bloccato proprio il pagamento di 539 milioni di dollari che erano stati emessi per queste cedole.

Inoltre questi risparmiatori non si potranno appellare facilmente alla giustizia, perché un ricorso richiede il superamento di massimali di azione collettiva abbastanza difficili da raggiungere. A fine anno, poi, entro il 2014, scatterà la clausola RUFO, che prevede che i detentori di bond trattati in maniera dissimile da altri siano risarciti in maniera più che esaustiva.

Per coloro che invece non hanno aderito allo swap e sono nella Task Force Argentina dell’ABI, presso l’ICSID, la situazione rimane immutata.






Tags:

Lascia una risposta