Le scadenze fiscali del mese di giugno e luglio 2014

19 maggio 2014 16:280 commentiDi:

agenzia

Come ormai tradizione, anche quest’anno si appresta per i contribuenti italiani un lungo periodo di impegni fiscali, che saranno soprattutto concentrati nei due mesi estivi di giugno e luglio 2014. Ad essere chiamate ad onorare gli impegni con il fisco saranno sia le famiglie che le imprese, per le quali sono già segnati in calendario 29 diversi appuntamenti. 

Le detrazioni ammesse nella dichiarazione dei redditi 2014

Secondo le stime realizzate dalla Cgia di Mestre in questo periodo ben 75 miliardi di euro in totale dovrebbero defluire nelle casse dello stato italiano, 40 dalle famiglie e 35 dalle imprese, al netto dei contributi previdenziali.

Ecco quindi quali saranno i principali appuntamenti con il fisco da tenere a mente per il mese di giugno 2014:


  • i contributi del Modello Unico, come l’Ires e l’Irpef, sia a saldo che in acconto
  • la prima rata dell’IMU, l’imposta municipale unica
  • la Tasi – nella maggior parte dei comuni italiani – e la Tari – ma solo per alcuni comuni italiani in cui è stata introdotta la nuova tassa sull’asporto dei rifiuti – e tutte queste avranno come scadenza il 16 giugno anche se si è molto in ritardo a livello nazionale con le delibere per le aliquote
  • le ritenute Irpef mensili dei lavoratori dipendenti e degli autonomi
  • i contributi previdenziali
  • l’IVA relativa al mese precedente – maggio 2014.

Coloro che non regolarizzeranno la loro posizione con il fisco a giugno in merito a quanto dovuto per la dichiarazione dei redditi, potranno farlo anche a luglio con una maggiorazione dello 0,4 per cento.

Le scadenze fiscali relative al mese di luglio 2014 riguarderanno invece:

  • le ritenute Irpef dei lavoratori dipendenti e degli autonomi
  • i contributi previdenziali
  • l’IVA relativa al mese precedente.

Del resto in Italia, sempre secondo la Cgia, il solo pagamento delle tasse richiede ai contribuenti un impegno medio di 269 ore all’anno, cioè 33 giorni lavorativi.






Tags:

Lascia una risposta