L’Italia si ribella all’Austerity

30 aprile 2013 17:340 commenti

banca-ditalia

L’Italia è al comando della rivolta europea contro l’austerity. Lo rivela il Financial Times, che sostiene che il nostro Paese, presa in considerazione la “sua dimensione di terza economia dell’Eurozona e con il debito più alto della Ue, potrà agevolare un cambio molto importante nelle politiche” europee in chiave anti-austerity. Nell’articolo si mette in luce che il premier Enrico Letta ha già fatto richiesta per proporre meno austerità piuttosto che accettare misure che portano a fare i grossi sacrifici che hanno fatto Paesi quali la Grecia, l’Irlanda e il Portogallo”.

Le concessioni fatte all’Italia e di conseguenza agli altri Paesi arriveranno con ogni probabilità dopo le elezioni in Germania di settembre, stando a quanto riportato dal Ft. Il ragionamento fila perché sono sempre di più i Paesi i quali stanno realizzando che il sistema di salvataggi associati da austerity abbiano condannato le economia a recessioni eterne e peggiorato i rapporti di debiti.


Tuttavia il Financial Times ha messo in evidenza che il nuovo Premier non ha spiegato dove troverà le risorse per rispettare gli impegni fiscali chiesti dall’Ue, descrivendo il suo discorso come un atto di equilibrio politico, che punta a preservare l’unità della coalizione a cui è stato costretto il centrosinistra.

Anche il Wall Street Journal ha scritto che Letta ha fatto una promessa: quella di tagliare le tasse e aumentare gli aiuti per i più poveri senza lasciare il conto alle future generazioni. Il problema resta uno: come potrà finanziare le sue promesse rispettando allo stesso tempo le norme fiscali dell’area europea recentemente corroborate e il nuovo requisito costituzionale dell’Italia di gestire budget equilibrati?

Se non altro, l’agenda di Letta è ricca secondo il giornale finanziario statunitense, che la considera “ambiziosa”. Il ragionamento del Premier ha chiuso retoricamente il cerchio apparendo costruito più per assicurarsi il voto parlamentare che per qualcos’altro.






Tags:

Lascia una risposta