Manovra colpiti solo i meno abbienti

4 luglio 2011 07:470 commentiDi:

Mario Giordano, il direttore di Mediaset commenta la manovra approvata, giovedì scorso, dal Consiglio dei Ministri, anche se, stranamente, il testo del provvedimento non è stato ancora trasmesso al Colle, per la controfirma del Presidente della Repubblica. 

Il direttore di Mediaset, evidenzia quanto, la manovra appena varata, vada a tutelare i privilegiati, colpendo invece i più bisognosi. 

“Manovra colpiti solo i pensionati normali, salve le  sanguisughe”. Così, Mario Giordano ha voluto sottolineare la sua disapprovazione su una manovra che, ancora una volta, vede pagare solo i cittadini che si destreggiano per mantenere loro e le loro famiglie, con uno stipendio o un’ordinaria pensione. 

“Lo confesso: sono rimasto molto deluso. Avevo  sperato fino all’ultimo che nella manovra entrasse una “tassa sulle sanguisughe”, come vi ho raccontato il documento era stato preparato fin nei minimi dettagli. Ma all’ultimo si è deciso di farlo saltare. E di far pagare, ancora una volta, solo i pensionati normali, cioè  quelli che prendono 1400 euro al mese, dopo aver lavorato una vita, e che i privilegi non sanno dove stanno di casa. 


 Sarà anche, come sostiene qualcuno, un intervento limitato, sarà solo un blocco alla crescita automatica e non un taglio dell’assegno Inps, ma resta il fatto che le uniche misure che riguardano la previdenza vanno a colpire i cittadini comuni, mentre i Paperoni previdenziali, i privilegiati da 90mila euro al mese se la spassano felici. E magari ridono alle spalle di tutti gli altri. Dov’è finito l’intervento sulle indennità degli ex parlamentari? Dove è finito l’intervento sulle indennità degli ex consiglieri regionali? Dove è finito il contributo di solidarietà sulle pensioni oltre i 10mila euro al mese? 

Ve lo confesso: sono deluso. C’era la possibilità di dare un segnale diverso, si è scelto di non farlo. Ma questo, se possibile, mi conferma ancora di più nella convinzione che la lotta contro i privilegi previdenziali è giusta. E doverosa. Che non si può mollare. L’amarezza è tanta, cari amici, ma non ci si può rassegnare. Statemi vicino e avanti tutta contro le sanguisughe! (In questi giorni per esempio molti consigli regionali stanno affrontando il tema dei vitalizi… Potremo scoprirne delle belle….)

Articolo correlato: Manovra fiscale definitiva

Ultimo aggiornamento 04 luglio 2011 ore 09,45






Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta