Mazacoin – Una criptovaluta diventa la moneta ufficiale degli indiani di Lakota Nation

8 marzo 2014 17:440 commentiDi:

dogecoin

Nel mondo delle criptovalute, le monete virtuali come i Bitcoin e i Litecoin, arriva una novità degna di essere ricordata. Una criptovaluta è stata infatti ufficialmente e per la prima volta adottata come moneta ufficiale da uno stato. Si tratta della riserva riserva indiana di Lakota Nation, nel South Dakota, che ha dato i natali a celebri antenati come Cavallo Pazzo e Nuvola Rossa. 

>  Un’ondata di furti informatici intacca la sicurezza e il valore dei Bitcoin

La notizia appare più che gradita in un periodo in cui le monete virtuali e le loro più note rappresentanti, i Bitcoin, non stanno attraversando un momento di grande fama e affidabilità.  I Bitcoin, che non sono sottoposti ad alcuna autorità nazionale, sono visti nel resto del mondo con sospetto e con diffidenza.


Litecoin – Che cosa sono, come si usano, quanto valgono

Ma la scelta del capo della riserva semiautonoma di Lakota Nation è stata però sicuramente presa in vista di una completa indipendenza, anche economica, dagli Stati Uniti. Le monete virtuali adottate nella riserva sono state chiamate Mazacoin, dal termine con cui il popolo chiama la moneta stessa e a fonte di un capitale di oltre 3,3 milioni di dollari sono diventate le 20 esime monete alternative al mondo.

Al mondo esistono molte monete alternative, ma forse questa scelta contribuirà anche ad avvicinare il popoli indiano all’uso della tecnologia, che nella riserva non è molto diffusa. La scelta della comunità indiana risulta comunque un passo epocale per la storia delle valute digitale perché si tratta del primo caso di adozione da parte di uno stato o di una comunità che abbia una propria rilevanza politica.

Lo sviluppatore dei Mazacoin si chiama Payu Harris e per dare vita alla criptovaluta si è ispirato alla parabola dei Bitcoin. oggi la riserva indiana si appresa quindi a diventare uno stato indipendente, anche se il più povero degli Stati uniti e con il più alto tasso di disoccupazione.






Tags:

Lascia una risposta