Mercati esteri preoccupati per ingovernabilità Italia

26 febbraio 2013 17:000 commenti

Preoccupa la situazione governativa dell’Italia. In mattinata, dopo il crollo della borsa e l’aumento vertiginoso dello Spread, sono arrivate opinioni negative dall’estero.

Sul filo dell’ingovernabilità, lo scenario politico post-elettorale italiano è ancora tutto da decodificare. Lo stato attuale delle cose provoca problemi nella chiusura di Wall Street (la peggiore da novembre). Questa mattina, poi, sono andati male anche i mercati asiatici, con Tokyo al 2,26% e Hong Kong al -1,32%).

I mercati sono preoccupati. Temono che l’Italia, Paese che ha ben 2 mila miliardi di debito, possa perdere la via maestra delle riforme e dell’attenzione alla sostenibilità dei conti assicurata dal premier uscente Mario Monti.

Torna, dunque, in auge il debito della zona Euro. La moneta unica perde quota rispetto a tutte le altre valute. Al momento quota sotto 1,3 in relazione al dollaro.

Nel frattempo Piazza Affari precipita, mandando in profondo rosso tutti i listini europei.

Spagna e Italia, come è noto, sono i due Paesi più fragili dell’Eurozona.

Anche la Borsa di Madrid risente dello status quo tricolore, ponedosi in calo del 3,1% e lo spread tra i bund e bonos, i titoli decennali spagnoli, in aumento di 18 punti.

In attesa di comprendere quale sarà il futuro governativo del Nostro Paese, analisti ed economisti corrono ai ripari.

 

 

Tags:

Lascia una risposta