Merkel minimizza minaccia S&P

6 dicembre 2011 10:280 commentiDi:

Il Cancelliere tedesco, Angela Merkel, ha dichiarato oggi a Berlino che intende continuare sulla “strada” delle riforme, relativizzando l’importanza delle minacce di declassamento da parte di Standard & Poor’s.

“Metteremo in opera, giovedì e venerdì, tutte le decisioni che giudichiamo importanti per la zona euro (…). In questo modo apporteremo un contributo alla stabilizzazione della zona euro e, sono sicura, riaffermeremo la fiducia”, ha dichiarato la Merkel in occasione di una conferenza stampa.

“Ho sempre sostenuto che sarà un lungo processo e che durerà ancora un certo lasso di tempo (…), ma noi dobbiamo continuare su questa strada delle riforme”, ha aggiunto.

Il Cancelliere minimizza l’importanza delle minacce dell’Agenzia S&P. Queste decisioni sul rating dei paesi “fanno parte della responsabilità delle agenzie di rating”, ha semplicemente commentato.

Uno dei membri del partito CDU di Angela Merkel, Michael Fuchs, ha dichiarato all’edizione on line del quotidiano Die Welt, che dietro all’annuncio dell’agenzia americana S&P vede solo “un calcolo politico”, che mira a deviare l’attenzione dei seri problemi di indebitamento pubblico degli Stati Uniti.

Ieri, Standard & Poor’s ha posto negativamente “sotto sorveglianza ” le note di indebitamento a lungo termine di quindici paesi della zona euro, in particolare quelle  della Germania, dell’Austria, della Finlandia, della Francia, del Lussemburgo e dei Paesi Bassi, sei paesi in classe “AAA”, la migliore nota.

Ciò, in concreto, sta a significare che la Germania, prima economia europea e in ottima salute rispetto ai suoi partner, rischia di perdere la sua nota e di vedersi, quindi, aumentare i costi di prestito.

Ultimo aggiornamento 06 dicembre 2011 ore 11,28

Tags:

Lascia una risposta