Moody’s boccia 114 banche europee

16 febbraio 2012 08:470 commenti

Dopo aver tagliato meno di una settimana fa il rating di alcuni stati sovrani continentali (Italia, Spagna, Portogallo, Malta, Slovacchia, Slovenia) e abbassato l’outlook a “negative” di tre paesi con giudizio “AAA” (Francia, Regno Unito e Austria), l’agenzia di rating Moody’s ha tagliato il giudizio sul merito di credito (e/o abbassato l’outlook) di ben 114 banche europee tra cui figurano anche 24 istituti di credito italiani. La scure di Moody’s ha colpito anche il settore assicurativo europeo, in particolare sono state bocciate Allianz, Generali e Unipol. Le due compagnie assicurative italiane restano sotto osservazione per possibili nuovi tagli del rating.


Moody’s ha spiegato che il downgrade delle 114 banche europee, appartententi a ben 16 stati sovrani diversi, è una conseguenza della vulnerabilità degli istituti di credito alla crisi del debito in Europa. Moody’s ha bocciato praticamente tutte le grandi banche continentali: Commerzbank, Barclays, BNP Paribas, ING Group, Credit Agricole, Deutsche Bank, HSBC, Royal Bank of Scotland, Banco Santander, Société Générale, Unicredit.

Il downgrade di Moody’s era in parte scontato, visto che l’agenzia di rating qualche tempo fa aveva messo sotto osservazione il debito subordinato e il Tier3 degli istituti di credito europei a causa della grave crisi del debito sovrano nella zona euro. La revisione di Moody’s non ha interessato le banche finlandesi, norvegesi, lussemburghesi e belghe. L’Italia presenta il numero maggiore di banche che sono finite sotto revisione. Le borse europee hanno aperto stamattina in forte ribasso. Pesante calo anche per l’euro contro il dollaro americano sotto 1.30. Risale lo spread Btp-Bund sopra 400 punti base.






Tags:

Lascia una risposta