Moody’s boccia titoli di Stato italiani

13 luglio 2012 08:290 commenti

Il calo del rendimento dei titoli di Stato registrato ieri in occasione dell’asta di BOT annuali con scadenza luglio 2013 aveva lasciato sperare in un miglioramento della percezione del rischio da parte degli investitori verso i titoli governativi italiani. E’ quindi arrivata come una doccia fredda la notizia diffusa nel corso delle ultime ore e che annuncia un declassamento dei titoli di Stato italiani da parte dell’agenzia statunitense Moody’s, che ha comunicato di aver portato il rating da “A3” a “Baa2” (per maggiori informazioni leggi “Scala rating Moody’s“).


A sostegno della sua decisione, Moody’s ha spiegato che a suo avviso si verificherà un ulteriore netto aumento dei costi di finanziamento dell’Italia, a cui si vanno ad aggiungere i “segnali di erosione” sul fronte degli investimenti esteri e il rischio contagio da parte di Grecia e Spagna. L’agenzia di rating parla inoltre di un deterioramento delle prospettive economiche nel breve termine, nonostante le misure adottate dal governo Monti, e di un clima politico che, soprattutto in primavera, sarà fonte di un aumento dei rischi.

L’agenzia di rating ammette che le riforme predisposte dal governo Monti abbiano le potenzialità per migliorare notevolmente la crescita e le prospettive di bilancio, tuttavia l’outlook è negativo e l’Italia continua ad essere sotto osservazione, in quanto si ritiene che il peggioramento della situazione economica porterà le forze politiche a frenare l’azione del governo.






Tags:

Lascia una risposta