Mps cresce in Borsa ma slitta rimborso Bond

7 febbraio 2013 14:430 commenti

Il Monte dei Paschi di Siena fa registrare un altro miglioramento a piazza Affari. Il titolo è in grande ascesa successivamente alla notizia di “pulizia” del bilancio 2012. Merito della chiarezza con la quale è stata indicata la cifra delle perdite: 730 milioni sui derivati accesi dalla gestione Mussari.

Ora Mps ha guadagnato oltre l’8% ed è stato messo in stand-by in asta di volatilità a +8,37%.

L’azione ha ottenuto il prezzo di 0,24 euro. Sono molto sostenuti gli scambi, con poco meno del 3% del capitale sociale girato di mano in mano in mezza seduta.

Futuro


Nel frattempo, dai piani alti arrivano notizie sul futuro. Le ha fornite l’amministratore delegato Fabrizio Viola, a seguito di una conference call tenuta con gli analisti finanziari circa la ristrutturazione delle tre operazioni strutturate Alexandria, Santorini e Nota Italia.

Viola ha detto che non vi è una fuga dei depositi in Mps e la banca sarà presto operativa per garantire uno sviluppo virtuoso dei volumi commerciali.

Mps non ha intenzione di stringere alleanze con altri Istituti e pensa solo al rafforzamento dell’attività commerciale, configurandosi come terza banca del Paese.

Rinvio di un anno per il rimborso del prestito

In conclusione, è toccato al nuovo direttore finanziario Bernardo Mingrone annunciatre che, con l’incremento di 500 milioni di euro dell’emissione dei “Monti bond”, slitterà di un anno, dal 2015 al 2016, la chiusura del rimborso del prestito.






Tags:

Lascia una risposta