Mutui – Più semplice la cancellazione delle ipoteche online

19 agosto 2014 15:050 commentiDi:

mutui

In un clima generale di semplificazioni, anche la burocrazia che sta dietro a molti processi bancari e finanziari viene piano piano alleggerita. Di recente è toccato ad esempio alla procedura per la cancellazione delle ipoteche, i procedimenti che si iscrivono quando viene concesso un finanziamento ipotecario, cioè un mutuo, oppure un prestito appartenente a questa tipologia. 

E’ meglio richiedere un mutuo o un prestito per avere del credito?

A partire dalla fine del mese di luglio 2014, infatti, l’Agenzia delle Entrate, l’istituzione che oggi si occupa dell’iscrizione delle ipoteche dopo aver inglobato altri uffici e che ne tiene i registri ufficiali, ha emanato una nuova circolare che recepisce delle modifiche alla normativa precedente in fatto di cancellazione delle ipoteche. All’interno delle nuove regole ricadono le ipoteche anche con durata ventennale iscritte dopo il 2 giugno 2007.

Immobili – Arriva un nuovo mutuo per comprare le case all’asta

A partire dal 1 settembre 2014, quindi, in via ancora sperimentale, gli istituti di credito, le banche, gli enti di previdenza e gli altri intermediari finanziari potranno avvalersi di una procedura semplificata per la cancellazione delle ipoteche online, che verrà effettuata direttamente online attraverso una richiesta da presentare via web e l’apposizione della firma digitale del richiedente. La richiesta dovrà essere posta attraverso il sito stesso dell’Agenzia delle Entrate – www.agenziaentrate.gov.it.

L’utilizzo della procedura facoltativa andrà avanti fino al 31 dicembre 2014, ma a partire dal 1 gennaio 2015 le nuove regole diventeranno obbligatorie e tutti dovranno attenersi ad esse.

Attraverso la consultazione del sito internet dell’Agenzia delle Entrate verrà istituito anche un registro che terrà traccia delle richieste presentate e in qualsiasi momento gli interessati potranno controllare lo stato di avanzamento della propria richiesta semplicemente digitando il codice fiscale del mutuatario.

Tags:

Lascia una risposta