Nessuna speranza di cancellazione dell’IMU

23 aprile 2013 17:000 commenti

imu

L’Imu non è mai piaciuta agli italiani. Dopo che l’Ici fu cancellata, l’entrata in vigore di una nuova tassa che ne ricalcava il modello ha creato non poche polemiche e tutti hanno sperato, con la speranza fortemente alimentata dai vari partiti che si sono dati battaglia alle elezioni, che con il nuovo esecutivo la tassa potesse essere cancellata.

Era comunque una tassa necessaria. L’Italia doveva iniziare il lungo cammino verso il pareggio di bilancio e i 24 miliardi di euro che l’Imu ha portato nelle casse dello Stato stati una bella spinta per intraprendere il percorso.


Ma non basta ancora. L’Italia non ha raggiunto il pareggio di bilancio, la strada è ancora lunga, ecco perché l’Imu, molto probabilmente, la dovremo pagare per almeno altri due anni, forse anche di più.

A dirlo è Daniele Franco, direttore centrale per la ricerca economica e le relazioni internazionali della Banca d’Italia, che, in audizione di fronte alle commissioni speciali congiunte di Camera e Senato, ha ribadito il ruolo centrale di questa imposizione e ha chiaramente detto che l’Imu non può essere cancellata.

Se lo si vuole fare l’alternativa è quella di far pagare agli italiani una tassa di uguale valore. Tanto vale tenersi l’Imu, quindi.

 

 






Tags:

Lascia una risposta