No di Bankitalia a commissariamento Mps

29 gennaio 2013 11:520 commenti

Nessun commissariamento per il Monte dei Paschi di Siena. Lo afferma Bankitalia.

Il governatore Ignazio Visco, a quanto pare, avrebbe posto un veto su azioni di natura immediata. Il motivo? L’attuale normativa non contempla l’ipotesi di commissariamento.

► L’intervento di Beppe Grillo all’assemblea della banca Mps

La pensa così anche il Presidente Alessandro Profumo, che ha voluto commentare anche la proposta Bersani circa il conferimento di poteri commissariali ai vertici attuali: “Credo che la banca non vada commissariata e non verrà commissariata”.

Nel contempo l’Amministratore Delegato Fabrizio Viola non intravede evidenze di casi di corruzione circa l’acquisti di Antonveneta. Viola ha inoltre aggiunto che la vendita della banca padovana non è auspicabile attualmente.


Sopravvivenza Mps

La Fondazione Mps, intanto, pensa alla sopravvivenza del Gruppo Bancario. C’è il rischio che un altro pacchetto di partecipazione in Monte dei Paschi di Siena venga ceduto. Ciò comporterebbe una discesa sotto la soglia dell 33,5%.

E’ quanto si evince dalla lettura della bozza del documento programmatico che presto la stessa Fondazione dovrebbe rendere noto.

Continua però a tenere banco la presunta truffa di Mps a danno dei propri azionisti, evento spiacevole che sussegue allo Scandalo Mussari.

Da qui a poco, sicuramente, qualcosa cambierà nell’organigramma dell’Isituto. L’Unione europea, però, gradirebbe che fosse l’Italia a gestire la situazione, spiegando l’accaduto nei minimi dettagli.

 






Tags:

Lascia una risposta