Nuove regole compilazione fatture 2013

11 gennaio 2013 16:340 commenti

La legge di stabilità (legge n. 218/2012) ha apportato delle novità per la compilazione delle fatture di vendita che sono entrate in vigore a partire dal primo gennaio 2013, in recepimento della direttiva 2006/112/UE in materia di fatturazione.

Quello che, in sostanza, prevede la normativa in vigore è che le fatture emesse a partire da quest’anno devono contenere un numero progressivo che le identifichi in modo univoco. Questa precisazione ha creato non pochi disagi e dubbi per le aziende e i professionisti possessori di partita Iva.

► Creare fatture online gratis

Secondo il portale Mondo Economia, le possibili soluzioni per non incorrere in sanzioni sono due: da un lato la possibilità di proseguire la numerazione delle fatture dal numero dell’ultima fattura emessa nel 2012, dall’altro, ed è la scelta consigliata almeno fino alla fine dell’anno, azzerare la numerazione ma affiancando al numero della fattura l’anno di emissione (1/2013 oppure 2013/1).


Alle indicazioni della legge di stabilità, poi, si aggiungono i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate che ha emanato la risoluzione n.1/E, la quale, sempre riferendoci alla Nuova compilazione delle fatture per il 2013 di Mondo Economia,

– la data di emissione è un elemento assolutamente obbligatorio;

– l’identificazione univoca delle fatture è certificata sia da una numerazione progressiva potenzialmente illimitata, sia da altri elementi identificativi già presenti sul documento.

Quindi, chi emette fattura può scegliere liberamente uno dei due modi, anche se per la numerazione progressiva senza azzeramento è meglio aspettare che i veri sistemi di recepimento di tali documenti siano stati aggiornati.

 






Tags:

Lascia una risposta