Nuove regole europee per il controllo dei bilanci

13 dicembre 2011 14:350 commenti

Entra ufficialmente in vigore oggi, 13 dicembre, il pacchetto di misure  denominato “Six Pack”.

Si tratta essenzialmente di sei misure legislative il cui scopo è quello di “rafforzare” rigore nei bilanci dei Paesi dell’Unione, anche attraverso dure sanzioni nei confronti di chi non rispetta le regole sul deficit.

Stando a quanto dichiarato dal Commissario Europeo agli Affari Economici e Monetari, Olli Rehn, si tratta di una vera rivoluzione del Patto di Stabilità, che comporterà un radicale cambiamento nel modo in cui verrà effettuata la “sorveglianza” economica all’interno dell’Unione.

Il pacchetto è composto da cinque “regolamenti” e una “direttiva” che costituiscono le basi sulle quali i Paesi della UE si dovranno attenere; la sottoscrizione del nuovo trattato da parte degli stati membri è prevista per il prossimo mese di marzo.


Le misure riguardano sostanzialmente il controllo dei  “conti pubblici”, ma l’obiettivo principale è quello di prevenire lo “sforamento” dei paesi UE, tramite una più rigorosa vigilanza da parte della Commissione Europea sia sui conti che sulle politiche macroeconomiche.

Per quanto riguarda i paesi con debito eccessivo, il cui rapporto debito-Pil supera il 60% (tra questi anche l’Italia) oltre alle precedenti sanzioni, le cui procedure con questo pacchetto di misure vengono notevolmente semplificate diventando “quasi automatiche”, entra in vigore l’obbligo da parte dei governi di “ridurre” l’eccesso di debito di un ventesimo all’anno, per evitare l’inflazione.

Un’altra novità è data poi dagli strumenti con i quali la Commissione Europea vigilerà sugli eventuali squilibri macroeconomici, lo farà infatti tramite una serie di indicatori, tra i quali l’andamento dei prezzi delle case, il costo del lavoro, il monitoraggio del settore finanziario e la competitività.






Tags:

Lascia una risposta