Nuove regole nazionali per il settore dell’edilizia in arrivo

29 luglio 2014 10:050 commentiDi:

edilizia1-500x356

Il settore dell’edilizia sarà presto oggetto di un ampio progetto di riforma da realizzare attraverso un nuovo corredo di norme che saranno varate a breve dal Consiglio dei Ministri e estese a tutto il territorio nazionale. Verrà emanato, infatti, attraverso un decreto legge a firma del Ministro delle Infrastrutture, del Ministro  per la Semplificazione e di quello della Pubblica Amministrazione il nuovo regolamento edilizio – tipo, che sarà adottato entro 60 giorni dall’entrata in vigore del decreto legge stesso.

Piano Casa 2014 – Le novità sugli alloggi pubblici in vendita

Il provvedimento sarà valido per tutti gli 8 mila comuni italiani e avrà lo scopo di definire i criteri generali per l’individuazione di nuovi parametri urbanistici ed edilizi applicabili a tutto il territorio nazionale. Al suo interno troveranno ad esempio posto norme quali:


  • norme di riferimento per le tecniche da utilizzare in caso di interventi urbanistici e edilizi
  • norme relative ai requisiti igienico  – sanitari e di sicurezza da applicare agli edifici
  • norme relative all’accessibilità e all’abbattimento delle barriere architettoniche
  • norme relative alla definizione degli elementi di corredo delle costruzioni.

Piano casa 2014 – Le novità su alloggi sociali, occupazioni abusive e contratti in nero

All’interno del nuovo decreto, tuttavia, ci saranno anche incentivi per il recupero del patrimonio edilizio già esistente e per la riduzione del consumo del suolo. Ci saranno poi una serie di regole atte a favorire il risparmio energetico nell’edilizia, attraverso l’installazione di sistemi per la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Verranno inoltre stabiliti dei criteri per la distinzione dei diversi interventi edilizi, in modo da poter essere sottoposti a procedure e regimi contributivi differenti.

Una volta varato il decreto, tutti i comuni italiani dovranno adeguare al testo i propri regolamenti edilizi o integrarli nei casi specifici entro sei mesi dall’entrata in vigore del decreto stesso.






Tags:

Lascia una risposta