Obbligo dei pagamenti alla Pubblica Amministrazione con fattura elettronica

5 settembre 2014 12:070 commentiDi:

agenzia

A partire da domani, 6 settembre 2014, entrerà ufficialmente in vigore in Italia l’obbligo di fatturazione elettronica per tutti i fornitori della Pubblica Amministrazione. Questo significa che la PA non sarà più autorizzata a pagare, neanche in modo parziale, le imprese che continueranno a presentare fatture di tipo cartaceo. 

Pagamenti Pubblica Amministrazione – L’Italia risolve la procedura di infrazione UE

Scadono infatti proprio nella giornata di domani i tre mesi di tempo concessi dal governo come periodo di transizione riguardo le nuove modalità di pagamento a favore del settore pubblico. A partire da domani, quindi, il provvedimento interesserà circa 18 mila uffici presenti su tutto il territorio nazionale, facenti capo a 38 amministrazioni, tra cui


  • i ministeri
  • le agenzie fiscali
  • gli enti di previdenza a livello nazionale.

Permessi e distacchi sindacali ridotti nella Pubblica Amministrazione a partire da settembre

A partire dal 31 marzo 2015, invece, l’obbligo di fatturazione elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione verrà esteso anche alle amministrazioni locali e agli altri enti rimanenti.

Su questi temi, in seguito ad una circolare emanata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, si è espressa anche l’Agenzia delle Entrate, che ha ricordato che i tre mesi di transizione concessi a partire dal mese di giugno 2014 sono valsi per ammortizzare eventuali ritardi causati dal sistema postale per tutte le fatture staccate prima di giugno.

I dati elettronici in possesso dell’amministrazione centrale, quindi, in seguito a questo nuova modalità di fatturazione, continueranno ad aumentare. Nel solo mese di luglio l’Agenzia delle Entrate ha già rilevato un aumento esponenziale della fatture elettroniche emesse. Le nuove procedure, infine, avranno il vantaggio di rendere più semplici e snelle le procedure e di evitare i vizi di forma e gli errori del modello cartaceo.






Tags:

Lascia una risposta