Home / economia / Pensione anticipata e precoci: appello di Damiano e Renzi, ultime notizie su quota 97 e 41

Pensione anticipata e precoci: appello di Damiano e Renzi, ultime notizie su quota 97 e 41

Il presidente della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati, Cesare Damiano, è tornato a far sentire in modo deciso la sua voce su lavoratori precoci e pensione anticipata. L’interlocutore continua ad essere il presidente del Consiglio Matteo Renzi che, fino ad oggi, non ha mai affrontato di petto i due argomenti, limitandosi invece a generiche promesse molto spesso anche decisamente posticipate nel tempo.

Damiano ha ricordato a Renzi che sia la proposta di quota 97 per la pensione anticipata che quota 41 senza penalizzazioni per i precoci, sono, in primo luogo, la risposta ad una giusta esigenza di giustizia che arriva dal mondo del lavoro. La quota 97, infatti, prevede il pensionamento anticipato in quiescenza a partire da 62 anni di età ma solo se si ha alle spalle una anzianità contributiva pari ad almeno 35 anni e dietro una penalizzazione massima che può arrivare all’8% dell’assegno mensile. La quota 41 per i precoci, invece, non ha collegamenti con requisiti di età ma prevede solo la possibilità di uscire dal mondo del lavoro se si hanno alle spalle 41 anni di contributi. Questa proposta è rivolta, in primo luogo, a chi è nel mondo del lavoro da quanto aveva 16 anni e, il più delle volte, svolge lavori usuranti.

Questa due proposte sono state ribadite con forza da Damiano a Renzi. Il presidente della Commissione Lavoro della Camera, in particolare, ha sollecitato il presidente del Consiglio di passare delle parole ai fatti perchè non è più possibile pensare di poter continuare a prendere tempo su una questione che è molto delicata. Per Damiano, infatti, o si agisce e presto sulle pensioni oppure c’è il serio rischio che continuino ad entrare in vigore quelli che sono i meccanismi automatici della Legge Fornero. Serve in poche parole una accelerazione per uscire da questa situazione da sabbie mobili che non fa bene a nessuno.

Il nuovo appello di Damiano a Renzi giunge al termine di un mese caratterizzato da continue pressioni sul governo affinchè si metta mano alla riforma delle pensioni.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *