Home / economia / Pensione anticipata news oggi 27 maggio: penalizzazioni con l’APE, le novità sul prestito

Pensione anticipata news oggi 27 maggio: penalizzazioni con l’APE, le novità sul prestito

I lavoratori in lotta per cercare di ottenere un superamento della Riforma Fornero in materia di pensione anticipata, non hanno fatto in tempo a smaltire la delusione per quella proposta di prestito pensionistico sintetizzata dal governo nella contestatissima APE, che sono già alla prese con una nuova delusione connessa questa volta con le penalizzazioni diversificate che l’esecutivo pensa di introdurre a carico di chi sceglie di andare in pensione anticipatamente.

Stando alle ultime notizie di oggi 27 maggio, infatti, l’uscita dal mondo del lavoro anche con l’APE avrà un costo differente a seconda delle varie tipologie di lavoratori. Non si tratta di una discriminazione ma più semplicemente dell’applicazione concreta del principio di flessibilità che tende a trattare in modo diverso quello è che diverso per sua natura ossia il lavoro.

Eppure, in base alle news di oggi, ancora una volta il governo avrebbe mostrato di non essere l’altezza deludendo tutti. Ma cosa prevedono queste penalizzazioni? Il punto più contestato è il fatto che le penalizzazioni sono legate non al tipo di lavoro ma alla durata della penalizzazione e all’importo dell’assegno.

In concreto subiranno una penalizzazione che non dovrebbe essere superiore all’1% quei lavoratori che hanno portato ad esaurimento il periodo di godimento della Naspi,dell’Asdi e dell’indennità di mobilità nonchè quei lavoratori che percepiscono un assegno inferiore a 3 volte il trattamento minimo Inps fissato in 1500 euro mensili.

In base alle ultime notizie, la penalizzazione prevista dall’APE riguarderà solo ed esclusivamente quelle quote della pensione che sono calcolate con il sistema retributivo nonchè le anzianità contributive versate fino al 31 dicembre 2011 per quei lavoratori che alla data del 31 dicembre 1995 erano in possesso di almeno 18 anni di contribuzione, o fino al 31 dicembre 1995 per quei lavoratori che in tale data avevano versato 18 mesi di contribuzione sotto forma di contributi volontari.

La penalizzazione, secondo le news in tema di pensioni, dovrebbe salire al 4% per quei lavoratori che hanno un assegno Inps che è pari a 3 volte quello minimo fissato dall’Inps.

 

Loading...