Home / economia / Pensione anticipata: proposta 62 anni per tutti valida ma tempo stringe, novità dal report Inps

Pensione anticipata: proposta 62 anni per tutti valida ma tempo stringe, novità dal report Inps

Gli ultimi dati forniti dall’Inps sulle richieste di pensionamento anticipato tra i lavoratori italiano non lasciano spazio ad alcun margine di dubbio e confermano quello che è un trend emerso già all’indomani dell’applicazione della Riforma Fornero: i lavoratori che possono scelgono di andare in pensione poichè sono consapevoli che, restando nel mondo del lavoro, subiranno un progressivo peggioramento dei requisiti che sono necessari per poter andare in pensione. Questa semplice equazione spiega il perchè nel solo 2014 si è assistito ad un incremento delle domande di pensione anticipata del 74% rispetto all’anno precedente. Complessivamente i lavoratori che hanno chiesto di uscire dal mondo del lavoro prima della maturazione dei requisiti sono stati qualcosa come 148mila. E’ evidente che si sia in presenza di una sorta di emorragia che è giustificata dalla convinzione che, per quanto riguarda le pensioni, più passa il tempo e peggio sarà. Quindi, appena possibile, tutti via!

IL forte aumento del numero delle richieste di pensione anticipata è stato commentato dal presidente della Commissione Lavoro della Camera Cesare Damiano il quale si è trovato concorde con quanto affermato dal numero uno dell’Inps, Tito Boeri, circa la necessità di non perdere tempo e di intervenire. Al di la delle specifiche proposte, siamo Boeri che Damiano sono convinti che non si possa più attendere una riforma delle pensioni tante volta annunciata e mai concretizzata. Sono i numeri del sistema stesso a suggerire che oramai è il caso di passare ai fatti.

Damiano, in particolare, ha affermato che la sua proposta di quota 97 che permette di andare in pensione tutti a 62 anni di età, con la sola eccezione dei lavoratori precoci ai quali sarebbe invece applicata la quota 41, è sempre valida ma non si può più pensare di rinviare e ancora rinviare. Il disegno di legge 857 di Damiano è sempre lì che attende sembra rimproverare il presidente della Commissione Lavoro.

Loading...