Home / economia / Pensione anticipata uomini e donne: novità 2015

Pensione anticipata uomini e donne: novità 2015

Quali novità riserva il 2015 in tema di pensione anticipata 2015 a 62 anni o 60 anni? Due attualmente le proposte al vaglio che animano il dibattito politico e incontrano il favore dei sindacati: la Quota 100 e l’idea Damiano per la flessibilità in uscita con ragionevoli penalizzazioni sugli assegni. Proseguono intanto le proteste della Cgil contro la legge Fornero: si parla addirittura di ripristino della Quota 96. Un’ipotesi che ha già suscitato la ferma opposizione dei tecnici del MEF. Le prospettive in tema di pensione sono quindi decisamente confuse e poco chiare. Solo una cosa è certa. Come affermato dal sindacato, infatti, la Legge Fornero ha creato una confusione senza precedenti. 

Su questo spinoso argomento si è pronunciata più volte di recente Annamaria Furlan, segretario della Cisl, che ha a più riprese ribadito la necessità di una controriforma alla Legge Fornero, che ha definito senza mezzi termini la “peggiore riforma della previdenza” mai vista nel nostro paese. La Furlan ha espresso invece parole positive per queste due alternative al vaglio chiarendo che dal canto suo il sindacato proporrà un insieme di interventi per fare in modo che sia il lavoratore a scegliere di ritirarsi al momento opportuno. Un diritto di tutti ma soprattutto per chi svolge lavori usuranti e pericolosi: “A 65, 66 o 67 anni e’ molto complicato salire su una gru o un’impalcatura e persino stare in un reparto di pronto soccorso o fare l’insegnante”. In quest’ottica la pensione anticipata serve anche a rendere disponibili nuovi posti di lavoro per i giovani.

Il segretario Cgil/Fp Rossana Dettori è tra coloro che in questo clima di speranze ha proposto perfino di ripristinare Quota 96. Ipotesi poco realistica considerando le difficoltà a reperire le coperture finanziarie ma non impossibile da immaginare. Dai lavoratori arrivano critiche all’operato dei sindacati in tema pensioni. Basti pensare in questo caso all’inerzia passiva degli stessi quando lo scorso anno il Governo è venuto meno alle promesse fatte sulla previdenza. Che cosa succederà nel 2015?

Loading...