Home / economia / Pensioni 2016 news: cosa dicono i sindacati sul confronto col governo, ultime notizie

Pensioni 2016 news: cosa dicono i sindacati sul confronto col governo, ultime notizie

Martedì 24 maggio ci sarà il primo confronto tra sindacati e governo sul tema pensioni 2016: si discuterà pertanto della riforma del sistema previdenziale e delle misure che l’esecutivo ha in grado di improntare in previsione della prossima Legge di Stabilità 2017. I sindacati hanno finalmente tirato un sospiro di sollievo, dichiarandosi contenti dell’apertura del governo al tavolo di discussione, tuttavia ci si prospetta un dibattito serio e un confronto ampio su tutti i temi che finora sono stati trattati, tra cui precarietà, disoccupati e pensione anticipata. 

Il segretario generale della Cgil Susanna Camusso ha commentato quest’apertura del governo un fatto positivo, affermando come “dopo un anno e mezzo di annunci c’è finalmente la data dell’incontro”. Susanna Camusso si è fatta dunque portavoce dei sindacati nel ribadire come al tavolo di discussione dovranno essere prese in considerazione le proposte sindacali, prendendo dunque sul serio le dichiarazioni del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Tommaso Nannicini, il quale ha rassicurato tutti affermando che sul tavolo si discuterà anche di queste.

Anche il segretario Uil Carmelo Barbagallo ha accolto con entusiasmo l’invito al tavolo di discussione da parte del governo, plaudendo a Poletti in modo ironico: “Il ministro Poletti ha finalmente trovato un tavolo! Sarà merito della Fiera del Mobile di Milano”. Barbagallo si è poi dichiarato contento “che ci sia un incontro e che al tavolo ci sia anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Tommaso Nannicini”.

Frenano un po’ tuttavia le ultime parole di Giuliano Poletti in merito, che di fatto ha imposto alcune limitazioni al dibattito, invitando i sindacati a tener conto di 3 punti: la sostenibilità dei conti pubblici che non deve essere alterata, la priorità ai disoccupati più anziani e l’estensione temporale delle misure, tutti fattori che potrebbero bloccare gli iniziali entusiasmi. Nel frattempo la manifestazione nazionale del 19 maggio a Roma è stata confermata.

Loading...