Home / economia / Pensioni lavoratori precoci news oggi 30 aprile: quota 41 nel cassetto, Camusso attacca il governo

Pensioni lavoratori precoci news oggi 30 aprile: quota 41 nel cassetto, Camusso attacca il governo

Qualcosa non torna su quella che sono le intenzioni del governo in materia di riforma delle pensioni e ad accorgersene sono stati un pò tutti i diretti interessati anche perchè il tono usato dalla Camusso nelle sue ultime dichiarazioni non sembra lasciare spazio ad alcun genere di dubbio. Gli ultimi tra gli ultimi di questa intricata vicenda sono i lavoratori precoci in lotta per la quota 41 senza penalizzazioni. La loro posizione non è stata minimamente presa in considerazione dall’esecutivo e, a questo punto, è molto probabile che l’esecutivo non abbia fatto alcuna apertura verso chi ha iniziato a lavorare da quando aveva 15 anni (e ha un anno di contributi versati entro il diciannovesimo anno di età) proprio perchè non c’è alcuna alcuna specifica proposta che possa andare a risolvere la loro situazione.

La proposta di legge di quota 41, avanzata dal presidente della Commissione Lavoro della Camere Cesare Damiano e fatta propria da uno schieramento eterogeneo che include la destra e la sinistra passando per la Lega Nord, no sembra rientrare nei piani del governo che se mai dovesse anche prendere in considerazione una soluzione per il caso precoci lo potrebbe fare solo per via indiretta utilizzando, ossia, la quota 100.

Dinanzi a questa situazione la Camusso è intervenuta durante affermando che il governo in tema di pensioni piuttosto che cercare una soluzione  organica attraverso una riforma che vada a risolvere le numerose criticità del caso, si sta muovendo attraverso una serie di soluzioni tampone, come quella del prestito pensionistico, che altro  non faranno che erodere ulteriormente le finanze degli stessi pensionati. La Camusso, dopo un lungo silenzio, sembra ora essere scesa in campo a gamba tesa rivendicando il diritto dei lavoratori ad una giusta pensione. Molto chiaro il pensiero della leader della Cgil anche in relazione al caso dei precoci. Susanna Camusso, infatti, ha in più di una occasione affermato che la soluzione della situazione dei precoci si chiama quota 41.

Loading...